Seleziona una pagina

-La cantante italiana sarà la protagonista del prossimo titolo grancanario

Aprile 2018
A luglio, il mezzosoprano italiano Annalisa Stroppa tornerà al Festival di Bregenz come protagonista della Carmen di Bizet, la cui produzione è stata presentata per la prima volta la scorsa estate. Prima però offrirà la sua versione del personaggio nella Stagione Alfredo Kraus di Las Palmas di Gran Canaria organizzata dagli Amigos Canarios de la Ópera: ci saranno tre spettacoli il 22, il 24 e il 26 maggio. Per Stroppa, che ha debuttato il personaggio nel 2011 al Teatro Sociale di Trento e lo ha ripreso nel 2014 all’Opéra-Théâtre de Limoges (Francia), è un ruolo “che tutte le mezzosoprano sognano. È molto completo, mutevole e profondo, molto sensuale, con almeno dieci personaggi concentrati in uno, dal più amichevole e quasi divertente al più selvaggio. Fornisce una vocalità piena di colori diversi, incisivi, declamati. Amo la sua forza, il suo mistero; allo stesso tempo sono affascinata dalla sua fragilità e dal suo carattere, il suo non aver paura dell’ignoto, la sua sete di libertà. “Sei un demonio”, le dice Don José, e la sua risposta è un “sì” che mi fa venire i brividi”. Il mezzo italiano, che debutterà con questo ruolo a Las Palmas di Gran Canaria, sarà protagonista di una Carmen molto spagnola, firmata dal direttore di scena Paco López. “Dal punto di vista emotivo, le sfaccettature del personaggio sono molteplici, perché è un ruolo molto impegnativo che ti assorbe completamente: cantare, ballare, recitare… È un ruolo di gesti e sguardi”.
Dopo il suo debutto grancanario la aspettano al Teatro Regio di Torino come Dorabella in Così fan tutte (Mozart), al Festival di Bregenz con la sua acclamata Carmen, al Teatro Colon di Buenos Aires come Adalgisa in Norma (Bellini), alla Staatsoper Unter del Linden di Berlino come Rosina nel Barbiere di Siviglia (Rossini) e alla Bayerisches Staatsoper di Monaco come Suzuki di Madama Butterfly (Puccini).