Seleziona una pagina

– Il giovane maestro spagnolo torna sul podio del Teatro de La Zarzuela con una nuova produzione dell’opera spagnola Maruxa.

Dicembre 2017
Il direttore di Madrid José Miguel Pérez-Sierra torna a dirigere nella sua città natale, questa volta al Teatro de La Zarzuela. Si tratta del recupero dell’opera Maruxa – in precedenza nata come zarzuela-, di Amadeu Vives, una delle partiture più complicate e difficili dell’intero repertorio. Per questo motivo sono più di quattro decenni che quest’opera non è rappresentato in questo teatro e ora ritorna in una nuova edizione critica a carico del musicista, direttore e compositore Miquel Ortega. La nuova produzione, che sarà in scena il 25 gennaio e che sarà rappresentata in una quindicina di spettacoli fino all’11 febbraio, è firmata dal regista Paco Azorín. “Vives era un grande orchestratore e senza dubbio in questa partitura è evidente; si tratta di un titolo molto interessante, esigente nella sezione vocale e di grande ricchezza musicale, un aspetto che troviamo in molte altre opere del compositore”, dice il direttore spagnolo; per il giovane musicista “è un grande piacere ed emozione, dopo sei anni, tornare a dirigere al Teatro de la Zarzuela, che considero come la mia casa, un teatro dove ho diretto oltre un centinaio di funzioni tra il 2006 e il 2012”, conclude.
In questa nuova Maruxa si alterneranno nei ruoli principali Saioa Hernández e Susana Cordón, Rodrigo Borja Esteves e Borja Quiza, Ekaterina Metlova e Miren Urbieta e Carlos Fidalgo e Jorge Rodriguez Norton, insieme al baritono Simon Orfila.
Le funzioni saranno i giorni 25, 26, 27, 28 e 31 gennaio e 1, 2, 3, 4, 7, 8, 9, 10 e 11 febbraio, dove Pérez-Sierra sarà al comando dell’Orchestra della Comunità di Madrid.